giovedì, marzo 13, 2014

LE AVVENTURE DI SFORTUNATO: BOLOGNA.


Come giovane imprenditore polesano ho anche io la mia bella passione per la vita mondana. Durante la settimana curo gli affari della mia impresa ma la domenica mi prendo i miei agi. Io viaggio, sissignori mi piace vedere il bel mondo a me. Tre anni fa sono stato a Bratislava in corriera alla sagra dell’insaccato. Organizzava il viaggio l’Auser di Rovigo. Gli anziani nel vedermi si sono commossi e mi hanno eletto uomo dell’anno. Da quella volta ho deciso che ogni Domenica sarei stato in giro a rilassarmi. Ho visitato parecchi posti tipo Bovolone, Candiana, Buso, sono stato anche a San Marino a comperarmi i coltellini. Una delle mie mete preferite rimane Bologna. Ci vado ogni ultima domenica del mese. Di buon mattino prendo l’ape e corro in stazione a Rovigo a prendere la Freccia Rossa, passo dritto dalla biglietteria, attraverso i binari perché l’ambiente claustrofobico del sottopassaggio mi fa venire le crisi d’asma e appena si apre il portellone del treno salto su e mi infilo nella ritirata perché amo viaggiare sprovvisto del biglietto. A volte capita che un passeggero si lamenti del fatto che il cesso risulti occupato perennemente, prende e va dal capotreno a protestare. Il tizio io lo conosco, fa sempre la stessa tratta l’ultima domenica del mese, di lui mi fido in quanto apparteniamo allo stesso club di guardoni che di notte va dietro il parcheggio dell’Iperlando a spiare le coppiette. Tra di noi è nata una bella complicità e quindi al riottoso passeggero spiega che dentro la ritirata sta operando un tecnico dell’Asl per monitorare la presenza di vibrioni fecali a bordo dei convogli delle ferrovie. Il passeggero si sente soddisfatto della spiegazione, prende e va alla carrozza ristoro posizionata a metà convoglio e beve alcune VecchiaRomagna. Li ci trova una psicologa del SERT che fa opera di conforto per alcolizzati e di secondo mestiere gestisce un’agenzia matrimoniale. Alla fine del viaggio al passeggero viene ritirata la patente per due anni e si ritrova sposato con una procace donnona moldava. All’arrivo a Bologna attraverso il piazzale e mi reco alla fermata del 34 che sta di fronte alla stazione. Il conducente del turno domenicale del mattino è un Maori con il volto completamente ricoperto da tatuaggi tribali. A guardarlo mette paura ma si tratta di un buon cristiano con una triste storia alle spalle. Era arrivato in Italia con la promessa di fare il pilone al Rugby Badia Polesine ma il giorno della visita medica si era scoperto che sotto la pelle di daino posta sulla calotta cranica faceva bella mostra una placca in titanio frutto di un’operazione a cranio aperto a seguito di un colpo di badile inflitto al malcapitato da suo cugino Billy per futili motivi. In quelle condizioni era chiaro che se fosse morto in campo, a seguito dell’esplosione della placca durante una mischia, si sarebbe corso il pericolo di una crisi diplomatica con la Nuova Zelanda con gravissime ripercussioni sul mercato internazionale dei Kiwi. Il vice-presidente della squadra, mosso a compassione, gli propose allora di essere assunto all’Atac e in omaggio gli implementava la buona uscita con un matrimonio combinato con la cugina dell’amministratore di condominio del primo dirigente del servizio pubblico felsineo con cui aveva fatto il servizio militare a Savona. Detta così la cosa poteva sembrare accettabile anche perché la moglie acquisita portava in dote  un appartamento in quartiere Bolognina, un cospicuo pacchetto azionario della Granarolo, un trattore Landini, una Fiat croma e una collezione di monete in oro valutate da Bolaffi sui 750.000 €uri. Il problema era la sposa. Si trattava di un donnino con gli occhi piccini iniettati di sangue eternamente scossa da fremiti nervosi dovuti alla sua inguaribile gelosia. Schiava di tale condizione seguiva il marito durante il turno di servizio posizionandosi nel fondo del mezzo grazie ad un abbonamento emesso ad hoc dall’azienda comunale dei servizi pubblici. Sottoposto a questo trattamento al buon Maori era venuta un’ulcera gastrica e una grave forma di emorroidi. Circolava voce che a Bologna venisse definito “l’uomo meno invidiato del mondo”, lui lo sapeva e di notte per scaricare i nervi soffocava i piccioni in Piazza Maggiore presi al volo con la bocca. Tolto quest’ultimo macabro particolare rimaneva il ragazzone di una volta quando con gli amichetti di altre tribù, nel simulare antiche battaglie, si scagliavano a vicenda giavellotti avvelenati sulla battigia della spiaggia. Quando salgo sull’autobus lo fisso un secondo poi gli faccio secco: “abbonato grande invalido.”, lui sibila tra i denti frasi in una lingua sconosciuta poi parte a razzo senza curarsi degli anziani che precipitano al suolo dentro il mezzo. All’altezza degli istituti universitari pigio la prenotazione di fermata all’ultimo momento, lui inchioda di brutto e butta a gambe all’aria gli stessi vecchi che si erano rialzati da terra alla fermata precedente. Sta roba fa un sacco sano, stimola i riflessi dei canuti viaggiatori e li rende vigili oltre che nevrotici. Di domenica mattina passeggiare a Bologna ti mette di buon umore, ti schiarisce le idee e per un giovane imprenditore è un buon momento per stimolare la fantasia e creare progetti. Mentre passeggio mi guardo riflesso nelle vetrine, fa bene alla mia autostima e mi da agio di rimirare il mio look molto trendy. Indosso, nel periodo invernale, un montone lungo fino alle caviglie, liso sui gomiti (fa molto vissuto) sbottonato in modo da mettere in risalto il mio pigiamone in acrilico giallo extra aderente. Ho scelto il giallo perché è un colore che mimetizza l’ontone patinato che si accumula sul capo stesso e conferisce quell’alone perlaceo che tanto piace ai giovani moderni. Ai piedi sfoggio un paio di stivaletti in finto coccodrillo comprati alla BATA di Tirana da mio cugino Ernesto nel 2008. Fatta la passeggiata arrivo alle torri e li mi piazzo fisso a guardarmi in giro. Le torri sono due ruderazzi di cui una mezza storta. I turisti arrivano li e le fissano e poi fanno le foto. Io dico a questi sprovveduti che a Rovigo ci sono uguali ma più piccole e che se ti presenti in Piazza Matteotti come turista arriva il Sindaco Piva che ti abbraccia, ti offre il caffè o la spuma nel bar che più ti aggrada e poi ti fa pure cittadino onorario del capoluogo polesano. Per questo servizio promozionale sul turismo alternativo in Polesine la Provincia di Rovigo mi da 1 n€uro per ogni turista contattato previo presentazione di prova fotografica dell’avvenuto contatto. Dopo un pezzo che sto li fermo a fare il promoter turistico mi prende la fame e allora tiro fuori da una delle tasche del montone una scatoletta di tonno Nostromo per fare un rapido spuntino. Le turiste rimangono affascinate e molte di loro mi chiedono se voglio diventare il loro fidanzato. La cosa è imbarazzante anche perché non sono interessato a rapporti lunghi e sentimentali al massimo come contro proposta propongo un rapporto non protetto dentro ai bagni della stazione centrale. Domenica scorsa ero lì che mi dedicavo a ruttare quando dall’altra parte della strada vedo Gianni Morandi che mi fa segno di raggiungerlo. Passo la strada e dopo i soliti saluti di rito Gianni mi fa: “ Senti Sfortunato, in nome della nostra vecchia amicizia volevo proporti una cosa.” “Dimmi tutto Gianni.” Faccio io.
“Allora guarda, come ben sai io sono il Presidente onorario del Bologna Calcio ma siccome mi sono rotto i coglioni di andare tutte le domeniche allo stadio volevo proporti di sostituirmi fino alla fine della stagione. Nel mentre io mi chiudo dentro uno studio di registrazione e mentre compongo il mio prossimo LP mi faccio tingere i capelli dai fratelli Bundi. Che ti pare della proposta?”

Ora io sono un giovane imprenditore polesano e come tale sono sempre oberato da impegni ma ad un vecchio amico non me la sono sentita di dirgli di no. Ho preso il quadernone Pigna dalla tasca interna del montone ed ho segnato tutti gli impegni calcistici domenicali. Alla fine siamo andati in un localino trendy e con 6.000 €uri ci siamo bevuti ben tre camparoni a cranio. Alla fine della giornata Gianni mi ha accompagnato in stazione portandomi sul tubo della sua bici e durante il tragitto siamo cascati per terra quattro volte.  Come saluto finale e in nome delle tante bischerate fatte insieme ci siamo salutati con una virile stretta di maroni reciproca. Mi fa bene andare a Bologna.

martedì, febbraio 11, 2014

sabato, febbraio 01, 2014

LA VENDETTA.

video

LA VENDETTA DEL DORMIENTE.

domenica, gennaio 05, 2014

ADRIA: TRUFFANO L'INPS FINGENDOSI NANI.


Uno scandalo senza precedenti scuote l’amena comunità della capitale etrusca d’Oriente, quello che nessuno poteva immaginare è accaduto. Ci riferiamo a quanto scoperto dalle Fiamme Gialle del locale ammiragliato di ADRIA. Dopo alcuni mesi di appostamenti, riprese filmate, intercettazioni telefoniche, raccolte di materiale organico, delazioni e consulti mesmerici con la maga Tecla, sono stati scoperti due finti invalidi il cui riprovevole comportamento criminale non può che suscitare lo sdegno dell’intero ecumene etrusco d’Oriente. Stiamo parlando di B.B di anni 45 e di S.N. di anni 44 i quali per ben 25 anni si sono spacciati per nani ottenendo così un’ingiustificata pensione da parte dell’INPS nonché svariate agevolazioni quali riduzioni sui biglietti di entrata a cinema, circhi e teatri, gettoni omaggio alle giostre e anche il superamento delle fastidiose file ai vari sportelli pubblici. Vergognoso il comportamento dei due malandrini che per così lungo tempo hanno approfittato dell’ingenua benevolenza dei generosi etruschi d’oriente. Ma facciamo ordine sull’accaduto. E’ il 1989 quando i due convolano a nozze e nello stesso anno presentano domanda di pensione all’ente preposto. Mistero assoluto ancor oggi su come sia stato possibile loro ottenere la pensione ma si vocifera che lo strumento ricattatorio sia alla base della facilità con cui riescono ad ottenere il provvedimento assistenziale. Benvoluti dal vicinato, apparentemente impegnati nel sociale come fondatori di un’associazione di aiuto per nani tossicodipendenti e alcolizzati, nel 2001 ottengono pure, indegnamente, l’ambito premio “coppia nana dell’anno”. Conducono vita appartata e si spostano in città con le loro automobiline elettriche suscitando la simpatia dei più. Il palco su cui questa recita si svolge inizia a scricchiolare nel 2009 quando una lettera anonima giunge presso l’alto comando regionale per la lotta ai finti invalidi. Insospettiti dalle ripetute assenze da casa per lunghi periodi i segugi delle Fiamme Gialle iniziano le proprie indagini con profusione di mezzi ed uomini. Da queste emerge un quadro sconfortante e inaspettato. Lui risulta essere un corazziere in forza dal 1990 mentre lei svolge l’attività di indossatrice presso le più prestigiose case di moda parigine. Il cerchio si chiude sui due repentinamente il 28 Novembre del 2013 quando vengono prelevati dal posto di lavoro e condotti in manette presso la caserma Bolzaneto di Genova. La città, nel mentre è ferita, imbarazzo e sdegno risultano anche dal portavoce del Comune di Adria il Sig. Ottimio Sguazzo il quale ci ha rilasciato la seguente dichiarazione a nome di tutta la ziunta etrusca d’Oriente: “ Siamo sbigottiti, stupefatti e anche un po con le balle girate visto come questi due mariuoli ci hanno preso per i fondelli. A tal proposito il progetto riguardante una borsa di studio per nano letteratura verrà sospesa e ci costituiremo parte civile nel processo contro i due infingardi!” Lapidario il Caporale Ambrogiotti, coordinatore delle indagini per il territorio etrusco d’oriente, il quale ci dice: “So brutte cose, mi sento beffato pure io a carattere personale quando più volte ho spinto le loro vetturette quando mi dicevano che erano in panne con difficoltà di avviamento per poi scoprire che le batterie funzionavano perfettamente. Vi prego lasciatemi nel mio dolore.”  Davvero un brutto episodio con il quale si conclude un nefasto 2013. Umiliata la cittadinanza si ritroverà per una veglia di preghiera il primo giorno di carnevale. E’ tutto un magnamagna!